Politica

Borghezio show: “Balotelli? Un padano un po’ scuro…”

Pessima uscita dell’europarlamentare leghista, che al congresso del Carroccio non manca di far parlare di sé per una dichiarazione a metà strada tra il razzismo ed il derisibile…

A noi di IPQMP non importa molto della finale odierna tra Italia e Spagna: simpatizzeremo per l’Italia, ma vinca il migliore come nella tradizione sportiva ormai perduta, quella lasciataci in eredità dal Barone De Coubertin ai tempi in cui Nike era solo la dea della vittoria, Puma un felino sudamericano  e il calcio era solo un gioco.

Chi invece è ben consapevole del potere delle armi di distrazione di massa è quel Mario Borghezio, fine ideologo ed intellettuale leghista: ci si passi la battuta, è domenica ed anneghiamo così la nostra voglia di mare.

un intellettuale. Mario Borghezio.

Succede che l’Italia arriva in finale agli Europei, succede che il popolo dalla memoria corta dimentica quello che ha subito negli ultimi mesi da una casta che devasta e una classe dirigente che pretende, senza offrire nulla in cambio. Succede che un caso di omonimia tra il premier ed il calciatore (attualmente) più rappresentativo della nazionale di calcio, scateni una ressa di commenti e di paragoni tra l’Italia calcistica e quella strangolata e violentata dalla finanza: un insieme di circostanze che possono rendere il controllo delle menti un fine esercizio stilistico, sempre finalizzato al dover ammansire i popoli che dovrebbero sollevarsi in rivolta contro un sistema che non manca di mostrare le sue falle, giorno dopo giorno.

Le elezioni si avvicinano di gran carriera, i partiti devono provare a resistere allo tsunami antipartitocratico che potrebbe raderli al suolo, in occasione delle politiche di aprile 2013. Ed è così che il più impreparato e folkloristico degli onorevoli padani, si lancia in una campagna di difesa dell’orgoglio padano, rappresentato in questo caso da quel Mario Balotelli che ha portato in finale la nazionale italiana.

Adesso, per bocca del più estremista dei leader leghisti, il centravanti del Manchester City diventa un “padano a tutti gli effetti”. E’ un po’ scuro di carnagione, aggiunge. Ricorda vagamente un’altra battuta infelice, quella di un tale che ebbe a dire di Obama che era un po’ abbronzato.Vi lasciamo qualche secondo per le risate che l’ilarità di una battuta simile finisce per ingenerare. Gli ideali di superiorità razziale, sbandierati a destra e manca per accumulare consensi, vengono adesso svenduti: o questi ideali erano finti prima, o Borghezio sta fingendo adesso. Più di un indizio ci fa propendere per questa seconda ipotesi.

Balotelli, nato a Palermo da genitori Ghanesi ed adottato da una coppia bresciana, è un ragazzo come tanti, forse solo un po’ più viziato. Ce ne infischiamo del colore della sua pelle, del fatto che le sue origini affondino magari nell’immigrazione (clandestina?)dei genitori, e persino del fatto che abbia giocato nell’Inter (ci si passi un po’ di sano campanilismo per sdrammatizzare le considerazioni in analisi).

Quel che più conta è il prendere atto di come Borghezio cerchi di vestirsi con l’abito del vincitore: il problema del razzismo è essenzialmente economico, nessuno sano di mente baserebbe una differenza sul colore della pelle, mentre è più semplice basarne sulla differenza di grado sociale, economico, culturale. Pertanto, se di soldi non ne abbiamo molti, di certo possiamo vantare un livello culturale superiore a quello di Borghezio, conseguentemente è giustificabile un blando atteggiamento razzista da parte nostra nei suoi confronti.

Mario Borghezio sdogana Mario Balotelli il padano: è un gesto di profonda incoerenza da parte del leghista che più d’ogni altro ha basato la propria attività politica esclusivamente sull’esaltazione delle differenze razziali.

Che Borghezio si stia ricredendo? Neanche per sogno, è solo in campagna elettorale e cerca di alzare il tiro, non sappiamo quanto consapevolmente.

Ma quanti voti in meno porterebbe, in questo momento, lo schierarsi contro un calciatore naturalizzato che sta permettendo alla nazionale di calcio di ritornare alla ribalta del mondo del pallone? 

L’incoerenza non lo deve aver preoccupato più di tanto, consapevole forse della capacità media dell’elettorato padano di districarsi tra statisti e politici da una parte, e politici leghisti dall’altra (leggi Borghezio-Speroni, un tandem d’attacco che manco Balotelli con Cassano…).

Mario Borghezio passa dalla xenofobia all’adulazione, dallo sporco negro al “padano a tutti gli effetti”: si sottomette all’indiscussa superiorità della cresta dorata di SuperMario, perché andarvi contro significherebbe perdere consensi.

Quello che più duole è il dover constatare che una dichiarazione, come quella resa dal leghista a margine del congresso che ha acclamato sua Maestà Roberto Secondo di Lombardia, non sia attendibile. Stiamo parlando di un personaggio che l’anno scorso, nel corso di una diretta radiofonica, difese pubblicamente l’operato di Breivik, il killer di Utoka in Norvegia.

E’uno strampalato Oronzo Canà de Turin, che danza con Aristoteles Balotelli non perché questi ha salvato la  Longobarda dalla retrocessione, ma perché può aiutare la (Lega) Lombarda a guadagnare qualche preferenza, ed è pertanto opportuno cavalcare l’onda dell’entusiasmo, la stessa che fino a ieri avrebbe generato disgusto.

Tanto, i leghisti dello zoccolo duro, lo sanno bene che il Mario (quello padano!) è sempre il solito, noto, imbarazzante xenofobo in camicia verde. E non lo sanno solo i leghisti…


Annunci

Informazioni su Nico S.

Nato in Germania, siciliano d'adozione, si trova a proprio agio un po' ovunque, o forse da nessuna parte. Laureato in comunicazione, mototurista per vocazione, grappler, fotoamatore di razza Nikon. Ama il buon vino, la buona cucina, i viaggi, lo sport, non necessariamente in quest'ordine. Ha collaborato con testate online, scrivendo di politica, cultura, società e turismo sulle due ruote. Non esistono sinistre o destre, esistono uomini con le loro idee: tra queste, preferisco di certo le uniche che facciano gli interessi della gente, senza distinzione di colore politico. La sinistra lo reputa un compagno, la destra un fascista: entrambe le fazioni si sbagliano, lui ovviamente se la ride... E' solo un cittadino libero da logiche partitiche. E' solo un cittadino. Libero da logiche partitiche. E' solo un cittadino ,libero da logiche partitiche. E' solo. Un cittadino libero da logiche partitiche. Le virgole hanno sempre un loro perché... Aperto a tutto, tranne che alla stupidità e alla superficialità.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...